MOSTRA DI GIOVANNA DAZZI E ROSANNA TOMASI

MOSTRA DI GIOVANNA DAZZI E ROSANNA TOMASI
Intitolata "fuori di se"

GIOVANNA DAZZI: Artista torinese, ma meratese da oltre trent’anni, con un lungo percorso artistico ed espositivo alle spalle e un'assidua e appassionata frequentazione dell’arte nelle sue varie forme. Giunge a questa mostra con uno stile solido e maturo, ma in sottile e continua evoluzione. Giovanna utilizza alternativamente l’olio e l’acrilico con assoluta padronanza e perizia, in base alle sue scelte e necessità espressive. I suoi lavori nascono da una prima stesura, necessaria per la messa a fuoco del tema, con il colore acrilico che utilizza con ampie campiture o attraverso numerose velature sfruttando la sua immediatezza e la sua rapidità. Spesso, poi, riprende alcune parti del quadro con i colori a olio per dare pienezza e intensità alle tinte, stese con spatolate dense e cariche di materia. I temi che tratta in questa mostra sono, come sempre, metafora di aspetti preminenti e fortemente sentiti dall’autrice e sono perciò l’espressione del suo mondo poetico: un terreno di armonica complessità ed una visione che abbraccia l’insieme senza perdere il particolare. Nelle foreste tropicali di Giovanna cogliamo un mondo ricco e complesso, dove generi diversi convivono in armonia con le loro specifiche nature e particolarità: è la visione di un mondo ideale, dove ogni vita si identifica e condivide. La fusione cromatica ci fa pensare a una comune volontà di crescita caratterizzata dalla vivacità e dall’equilibrio. Le forme non sono banali riproduzioni del reale, ma suggestioni cariche di movimento e intensità grazie alle sapienti spatolate. I colori saturi ci parlano di emotività forti, vissute in prima persona senza filtri o inganni. La composizione, pur evidenziando alcune parti, valorizza in realtà tutto l’insieme in un’atmosfera rigogliosa e vitale. La serie dei tronchi presenta, attraverso gli aspetti tipici e più significativi, le caratteristiche di unicità di ognuno: sono ritratti sorprendenti per la loro fantastica naturalezza. Qui la tecnica sciolta e ampia dell’acrilico si fonde perfettamente con le spatolate a olio, conferendo ai dipinti la ricchezza cromatica e il gesto pittorico che rendono vive le tele. Nei suoi paesaggi del nord della Francia, luoghi a lei cari e a lungo frequentati, percepiamo il desiderio e la capacità di abbracciare un orizzonte molto largo e profondo, attuato da un’anima che sente la “saggezza” del mondo contemplata e vissuta dentro di sé e mostrata poi sulle sue tele. In queste opere si sente l’aria fresca tipica di quei luoghi, l’aspra e selvaggia natura dove il vento tutto domina e regola. Giò vive tutto questo con estrema serenità e saggezza, senza false illusioni o banali ambizioni; la sua arte è il suo bisogno di comunicare, di essere parte di un tutto e di condividere le cose belle che la vita ci dona. ROSANNA TOMASI: Il mondo poetico di Rosanna Tomasi si nutre di intimità e solitudini, come accade per l’artista che nel dipingere si rivela. Rosanna non guarda al mondo fuori da sé per trarre ispirazione, ma attinge a quell’universo interiore che ognuno di noi vive, dal quale spesso fugge, ma che sempre gli appartiene. Si tratta di un’Arte che non sceglie paesaggi, volti o cose come strumenti espressivi adatti a suggerire emozioni , ma piuttosto sfrutta la naturale spontaneità del colore e l’espressività del gesto pittorico per comunicarci, attraverso le sue composizioni astratte, la complessità del suo essere emotivo. E’ il processo espressionista che vive ed ascolta il suo interno, per dare vita poi, sulla tela, a ciò che si sente e che si prova; tutto questo contenuto interiore viene rielaborato e guidato dal gusto estetico e dallo stile pittorico, che si affinano sempre di più fino a diventare linguaggio unico e personalissimo. Nei lavori esposti in questa mostra, Rosanna esprime la forza della sua energia, che scorre fluida e determinata, riuscendo a mantenere un perfetto equilibrio tra il magma interiore in continuo mutamento e la necessità di sedimentazione estetica sulla tela. Sono composizioni nuove e accese, disegnate”in forme semplici ed astratte, ma unite emotivamente da ampi movimenti che lasciano dialogare le diverse tonalità dei colori, con sfumature e contrasti. Il tono scuro dei marroni si distingue, come una guida profonda e necessaria, nel gioco leggero delle tinte vivaci e giocose. Ma non lasciamoci abbagliare dalla luminosità e dalla freschezza di queste tele, sono opere enigmatiche e a lungo lavorate, meditate e riviste in una continua “messa a fuoco” stilistica e introspettiva, che ci parlano della complessità interiore della donna e della molteplicità espressiva dell’artista. Per avvicinarci con appropriato atteggiamento a queste tele e riuscire a scoprirne l’essenza, meglio scegliere gli stessi strumenti”che Rosanna ha utilizzato: sentire con immediatezza e riflettere con sensibilità. Sentire e riconoscere quello che questi colori e movimenti evocano. E’ una nuova fase creativa che si è aperta, forse spontaneamente o forse con la consapevolezza che fosse necessaria alla persona e quindi alla sua vita artistica.